lunedì 23 giugno 2008

Amarene sciroppate

<Digimax S800 / Kenox S800> 

Molto spesso tendo a produrre da me tutte quelle conserve che potranno servirmi  durante l'inverno e non per pietanze dolci e salate. Questa ricetta mi è stata data tempo addietro da una persona esperta nelle conserve di ogni genere. E' la prima volta che mi sono cimentata in questa ricetta e devo dire che il risultato è stato davvero eccellente, al di fuori delle mie aspettative. Di solito le amarene sono molto usate in molti dolci, come crostate, zeppole e dolcetti di ogni genere. Beh devo dire che ne sto facendo una scorta anche perchè le conserve artigianali hanno tutto un altro sapore, ma soprattutto sono " genuine". Per chi come me ne fa un grande uso, nel produrle ne troverà anche un grande risparmio economico, dato che un solo etto di queste prelibatezze  costa una "cifra"...

Ingredienti:

  • 1,2 kg. di cilege della qualità amarene
  • 1 kg. di zucchero semolato

Pulire le amarene con un  panno umido, privarle del picciolo e con l'apposito denocciolatore per olive  privarle anche dell'ossicino all'interno. Se non si possiede il denocciolatore, andrà bene anche un comune coltello da cucina col quale si inciderà la parte superiore della ciliegia. Porre le amarene in un contenitore abbastanza grande e coprirle col kg. di zucchero. Quindi coprire il contenitore con un canovaccio pulito e lasciarle macerare per circa 4- 5 giorni. Durante le ore di sole dovranno essere esposte ai raggi del sole in modo diretto  così da produrre lo scioglimento dello zucchero, ovviamente sempre ben coperte dal canovaccio. Ricordarsi inoltre di girarle con un cucchiaio d' acciaio ogni 3 o 4 ore in modo da far produrre lo sciroppo. Infatti lo zucchero macerando le amarene produrrà una buona quantità di sciroppo tale da risultare anche in eccesso. Quando saranno pronte, porle in barattoli di vetro coperte dallo sciroppo ottenuto e chiuderle ermeticamente. Lo sciroppo che resterà potrà essere utilizzato anche come copertura per dolci o addirittura per squisite bevande dissentanti, ottime in questo periodo.

 

Questo post partecipa all'iniziativa di   Il gatto goloso

 

17 commenti:

Micaela ha detto...

mmmmm... che buonee.. ma dove le trovo le amarene?

Dolcienonsolo ha detto...

Peccato che ormai non si trovano più le amarene altrimenti ci provavo...

unika ha detto...

un abbraccio:-)
Annamaria

Camomilla ha detto...

Stasera devo fare un dolce dove servono le amarene sciroppate, peccato che non ho visto prima questa tua ricetta... le avrei fatte io invece di comprarle! Va beh, dai la conserverò per la prossima volta! Grazie!
Un bacione :D

Pippi ha detto...

lo sai che le faccio anch'io così?? e sono davvero buonissime anche sul gelato o una crema di yogurt al naturale o addirittura la ricotta! brava! un bacio Pippi

Dolcetto ha detto...

Che bella idea le amarene sciroppate, non le ho mai provate!

Daniela ha detto...

Io direi invece che si possono ancora trovare da un buon rivenditore, perlomeno dalle mie parti è così...

nino ha detto...

ciaDaniela, le stò preparando anche io, con modalità diversa, noi usiamo tenerele per 40 giorni a
sole e sereno, cioè per 40 giorni fuori:
Ciao
Nino

Sara ha detto...

Buonisssime le amarene!! complimenti!! un bacione!!

Mirtilla ha detto...

buonissime!!
da quanto nn le mangio..
un bacione

Cannelle ha detto...

Che bella idea, peccato non averci pensato prima. Se trovo le amarene rimedio subito!Ciao Daniela, bacioni:-)

babi ha detto...

anche io sono a favore delle conserve artigianali (hanno davvero un sapore migliore), di solito ne preparo tantissime verso settembre e poi durano fino all'estate successiva (ho ancora qualcosina in dispensa!). questa delle amarene sciroppate è una bellissima idea, me la devo ricordare. bravissima! un bacio e buona giornata!

Mestolo & Paiolo ha detto...

Buoneeee! Anch'io non le mangio da parecchi, che voglia!
Ciao
Stefano

L'Antro dell'Alchimista ha detto...

Buonissime le amarene sciroppate! Brava! Buona serata Laura

babi ha detto...

buondì daniela! mi hai scritto che hai trovato ricette più difficili delle pardule che ho fatto ieri ma...non può esserci qualcosa di difficile per te, non ci credo! sono certa che le faresti molto bene, meglio di me sicuramente!!! solo non fare come me, cioè almeno tu ricordati di aggiungere il lievito alla ricetta perchè sennò non si gonfiano, infatti le mie pardulette sono tutte sgonfie, sigh sob! buon week-end! bacio

nino ha detto...

Dany,
Buon fine settimana.
Bacio
Nino

Gunther K.Fuchs ha detto...

le amarene sono le mie preferite, io le uso in inverno quando faccio i dolci aggiungono un sapore incredibile alle torte